Installare Linux

Chi mi conosce sa che non ho un grande amore per la Microsoft. Sono il primo ad ammettere che ha fatto grandi cose per l’informatica e la sua diffusione ma non mi piace moltissimo il modo in cui si muove, suoprattutto commercialmente parlando.
Siamo in un mondo libero per cui, nei limiti della legalità, ogni azienda è libera di decidere le proprie politiche commerciali … anche io però sono assolutamente libero di NON usare prodotti Microsoft e, quando posso, non lo faccio.

Mi piace Linux e lo uso soprattutto su macchine server in ogni diversa fragranza: web server, file server, firewall e compagnia bella. Mi piace moltissimo il fatto che, dopo l’installazione e la configurazione i problemi del sistemista sono praticamente finiti, mentre invece con i sistemi windows di solito i problemi cominciano dopo l’installazione …

L’installazione: qui sta il punto di tutta la questione!
Uso Linux da qualche anno e ho fatto più di una installazione. Molte di più … Ricordo ancora l’installazione della Red Hat 6.2 e mi torna ancora il freddo nella schiena, insomma sono stati fatti passi da gigante e l’installazione di un sistema Linux è alla portata praticamente di tutti, soprattutto come ambiente desktop.

Anche l’installazione di Linux come Server è facilissima … oppure difficilissima! Se le cose vanno bene al prima colpo siete a cavallo ma se non va tutto per il verso giusto, ragazzi, prevedete una notte insonne.
In questo momento sono alle prese con il server di un cliente. Teoricamente avevo un’operazione semplicissima da fare: l’aggiornamento di Fedora alla versione 5. Un’operazione banale apparantemente ma … qualcosa non è andato per il verso giusto: la macchina non fa il boot, GRUB si blocca e non parte neanche con le mazzate, arrivo al suo pront ma se provo a schiacciare un tasto qualsiasi mi compaiono le faccine come quando i Galli di Asterix dicono le parolacce.
So già che starò tutta la notte sul server del cliente. Ovviamente la stessa identica operazione su macchine anche ragionevolmente simile è andata bene al primo colpo. Non dico che questo mi fa rimpiangere di non aver usato Windows, per carità ma mi chiedo: possibile che Fedora preveda solo GRUB come boot loader? Il 50% dei problemi che ho avuto fino ad ora deriva da GRUB. Quando verrà implementata la possibilità di fare un’undo dopo un aggiornamento andato a buon fine? Anaconda sarà bello, buono e tutto, ma perchè non posso fare un’aggiornamento selettivo andando a spiluccare un software alla volta e decidere di volta in volta quale aggiornare …
SOno stanco, mi aspetta una lunga notte …

Un Commento a “Installare Linux”

  1. Penguin ha detto:

    Ah ah ah !

    Kernel Panic??!!

Lascia un Commento